E’ scomparso il 5 febbraio 2017, all’età di 83 anni, Sergio Quaiattini, carismatico capitano del Potenza dei primi anni sessanta, quelli della fantastica cavalcata che portarono i rossoblù, nel breve volgere di tre anni, dalla serie D sino alla promozione in serie B.

Nato il 3 marzo del 1933 a Pasian di Prato in provincia di Udine, Quaiattini giunse al Potenza nell’autunno del 1960 proveniente dalla Reggina. Era l’anno della promozione dalla serie D alla serie C dopo un entusiasmante testa a testa contro la Casertana; un torneo che infiammò letteralmente la tifoseria potentina per le grandi prove offerte dagli uomini guidati in panchina dall’allenatore Ulisse Giunchi. Nel corso della stagione il brillante centromediano potentino totalizzò 24 presenze suggellate da un gol e fornì il suo sostanziale contributo fatto di dinamismo e notevole visione di gioco.
Nel corso della stagione 1961-62, serie C, il roccioso calciatore friulano venne confermato nella rosa del Potenza di cui si confermò il pilastro di un centrocampo solido; scese in campo ben 28 volte in quell’annata ancora positiva per lui e per tutta la squadra.

La stagione successiva, 1962-63, fu quella della leggendaria promozione in serie B, con l’esaltante epilogo nell’ultima gara al Viviani vinta per 4 a 2 contro l’Aquila, con il trionfo dai tifosi entusiasti per l’incredibile risultato conseguito dalla formazione di cui Sergio Quaiattini era il valoroso capitano e in cui collezionò 32 presenze. Un traguardo prestigioso, fra l’altro conseguito abbastanza agevolmente; sei punti di differenza sulla seconda Trapani con le ultime sei gare in calendario vinte consecutivamente. L'allenatore di quella squadra era Egizio Rubino, il presidente l'avvocato Francesco Petrullo.

Sergio Quaiattini nell’estate del 1963 venne ceduto all’Avellino in C e in seguito giocò anche nel Melfi, confermando il suo forte legame con la Basilicata dove si stabilì definitivamente nel capoluogo avendo sposato una potentina.
Al termine della sua carriera di giocatore, Sergio Quaiattini proseguì il suo percorso nel mondo nel calcio intraprendendo la carriera di allenatore; in virtù della sua esperienza e professionalità è stato apprezzato anche in questo nuovo ruolo come autentico “maestro”, ne sanno qualcosa gli atleti di Avigliano, Bernalda, Pisticci, Tolve e dell’Edil Sud Potenza, che negli anni ’70 e ’80 hanno avuto la fortuna di aver avuto una guida tecnica così altamente qualificata e di elevato spessore umano.

Nel foto Sergio Quaiattini con la maglia del Potenza Sport Club negli anni sessanta.